Camminarti accanto, un percorso di fede per fidanzati alla scoperta della loro vocazione.

Testimonianza di Jacopo Carotti e Letizia Clementi

Il percorso “Camminarti Accanto” è un cammino diocesano per fidanzati che vogliono comprendere la loro strada, crescere insieme e approfondire la propria relazione.

In questo itinerario di fede i giovani sono aiutati a valorizzare il fidanzamento grazie all’opportunità di confrontarsi su tematiche riguardanti la vita di coppia, difficilmente trattate nella quotidianità.

Il corso ha una durata di due anni circa con una ventina di incontri a cadenza mensile. Le coppie all’interno della diocesi sono suddivise in piccoli gruppi e ciò favorisce la costruzione di un clima di amicizia, fiducia e comunione. Ogni gruppo è accompagnato da delle coppie-guida e da sacerdoti che “camminano accanto” condividendo fatiche, dubbi e gioie dei fidanzati.

Camminarti accanto è stato per noi come coppia un cammino ricco di scoperte, di crescite personali ma soprattutto di condivisione del nostro amore. Le due famiglie che ci hanno seguito sono state testimonianza tangibile della bellezza del matrimonio cristiano. Ci siamo sentiti sempre accolti e amati all’interno del nostro gruppo che in piccolo rappresenta la comunità cristiana: un luogo dove le diverse vocazioni si aiutano a vicenda, si stimano e si valorizzano. Il confronto con i compagni, in ogni momento, è avvenuto con semplicità, rispetto e con una totale apertura. Certamente abbiamo scoperto la bellezza della nostra vocazione condividendo i nostri progetti, i nostri valori, le nostre fatiche. Abbiamo potuto approfondire gli aspetti che stanno alla base di una solida relazione quali il confronto di coppia fatto di ascolto e di dialogo; il perdono; il prendere insieme decisioni importanti.

In questi due anni ci hanno accompagnato il desiderio di crescita e di maturazione; la necessità di conoscerci pienamente reciprocamente con le proprie diversità e con la propria personalità. Abbiamo compreso camminando con i nostri amici l’importanza di un dialogo profondo indispensabile alla vita e alla crescita dell’amore.

Oltre agli argomenti trattati mensilmente, sono stati per noi di grande valore i ritiri svolti con tutto il gruppo di due giorni. Si tratta di un’esperienza molto forte, ricca e coinvolgente in cui allontanandoci dalla nostra routine ci siamo davvero presi cura di noi.

Lo scopo principale di questo percorso pensiamo sia proprio quello di aiutare i fidanzati a fare discernimento, per capire se si sentono chiamati a vivere la vocazione matrimoniale.

Oggi, da marito e moglie, possiamo affermare che grazie a Camminarti accanto abbiamo pronunciato quel Sì consapevolmente, con l’impegno di vivere fedelmente e incondizionatamente il nostro amore. In tre ci siamo sposati ossia con Cristo e in Cristo perché l’altro è veramente un dono di Dio.

Come si svolge il percorso

  • Il percorso si svolge in gruppi di coppie di fidanzati. Ogni gruppo è costituito da sei, massimo sette coppie,  per  favorire la  fiducia  reciproca e un clima di comunione.
  • Il percorso è diocesano, quindi interparrocchiale. La tendenza è quella di mettere coppie che non si conoscono tra loro.
  • Il percorso ha durata biennale. Circa venti incontri con cadenza mensile.
  • Ogni gruppo di fidanzati è accompaganto da una coppia-guida e un sacerdote, che "camminano accanto" (da qui anche il nome del percorso) condividendo le fatiche, i dubbi e le gioie dei fidanzati. Testimoniano così la bellezza e la fecondità della Chiesa fondata sulla complementarietà ordine e matrimonio.
  • I fidanzati hanno a disposizione dei sussidi di studio (libretti a tema) su cui lavorano prima dell'incontro. Di conseguenza devono ritagliarsi un tempo privilegiato per dialogare e confrontarsi sul tema trattato, rispondendo poi per iscritto alle domande del libretto di studio.
  • Gli incontri si svolgono nella casa della coppia-guida. Questo aspetto è determinante nel percorso, perché la casa dona un ambiente caldo e accogliente che favorisce la condivisione e la comunione. Inoltre la coppia-guida testimona ai fidanzati come la coppia cristiana vive la sua apertura agli altri, anche aprendo la porta della loro casa.
  • Oltre agli incontri classici sviluppati dai libretti su un tema, ci sono giornate di ritiro, due mini-campi sulla sessualità (fine primo anno) e sul sacramento del matrimonio (fine secondo anno), incontri con esperti (sessuologi, psicologi, consulenti e medici).
  • La struttura del'incontro è la seguente: 1) accoglienza e saluti; 2) ascolto della Parola sulla traccia del libretto, risonanza e preghiera; 3) condivisione delle risposte scritte alle domande del tema del sussidio; 4) testimonianza della coppia e del sacerdote con eventuale approfondimento sull'argomento e chiarimenti di dubbi e difficoltà; 5) recita del Magnificat e benedizione conclusiva.